Contenuto principale | Barra di navigazione | Menù interno | Pie' di pagina
Cerca: 

BARRA DI NAVIGAZIONE

MEN├╣ INTERNO
Torna su


CONTENUTO PRINCIPALE
Torna su

L’attività dell’INGV per le Forze di Polizia Ambientale


 
Nel 1994 l’ING (divenuto poi INGV) ha avviato delle collaborazioni con le principali forze di polizia ambientale presenti allora sul territorio come il Corpo Forestale dello Stato (CFS) e i Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico (NOE)
Questa attività è consistita sostanzialmente nell’impiego delle tecniche geofisiche per l’esplorazione del sottosuolo per l’individuazione di rifiuti interrati e alcuni tipi di inquinamento sotterraneo.
Il primo intervento con tecniche geofisiche su un sito sospetto infatti risale al 1994, quando fu richiesto dalla Procura della Repubblica di Roma il supporto tecnico-scientifico dell’allora ING, in collaborazione con i Carabinieri del NOE.
Il  primo consistente ritrovamento di rifiuti interrati però risale ad alcuni anni dopo, esattamente al 1997 (Piana Perina, nel comune di Riano Flaminio). 
Nel Marzo 1988, con Ordinanze del Ministero dell’Interno, l’Istituto Nazionale di Geofisica  fu inserito tra gli Istituti chiamati a fornire il proprio contributo, per le attività di individuazione e rilevazione delle discariche, ai Commissari delegati della regione Campania (ordinanza n.2774  art.2) e Puglia (ordinanza n. 2776, art.2).
Le richieste di intervento sul territorio italiano andarono progressivamente aumentando e la collaborazione si rafforzò fino ad essere formalizzata,  nel 2003,  con la firma di un protocollo d’intesa con il Corpo Forestale dello Stato (Dott. Giuseppe Di Croce, Capo del Corpo).
Alcuni mesi dopo un analogo documento venne sottoscritto con i Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente (Col. Giuseppe Rositani, Comandante).
L’INGV diventò così di fatto un punto di riferimento tecnico scientifico per le indagini ambientali e di supporto ai procedimenti giudiziari di numerose Procure della Repubblica.  Ad oggi sono state realizzate sul territorio italiano centinaia di indagini geofisiche per la ricerca di rifiuti interrati.

Il 1 gennaio 2017 a seguito del Decreto legislativo n.177 del 19 agosto 2016  il Corpo Forestale dello Stato è stato assorbito nell’Arma dei Carabinieri e istituito il Comando Unità per la tutela forestale, ambientale e agroalimentare dei Carabinieri - CUTFAA. 

Il 19 febbraio 2018 è stato sottoscritto dal Presidente INGV prof. Carlo Doglioni un protocollo di collaborazione con il Commissario straordinario per la bonifica delle discariche abusive per lo studio del sottosuolo di tali aree con tecniche geofisiche.
 
 

 

Pagine interne

PIE' DI PAGINA
Torna su