Contenuto principale | Barra di navigazione | Menù interno | Pie' di pagina
Cerca: 

BARRA DI NAVIGAZIONE

MEN├╣ INTERNO
Torna su


CONTENUTO PRINCIPALE
Torna su

MODUS


La possibilità di un preciso e sicuro posizionamento sul fondo marino di un osservatorio sottomarino, del suo ritrovamento e riaggancio e del suo successivo recupero è assicurata dal veicolo MODUS, appositamente sviluppato e costruito presso la Technische Universität di Berlino (TUB) e la Technische Fach-Hochschule (TFH) di Berlino (Clauss and Hoog, 2002).
Si tratta di un veicolo di intervento sottomarino in grado di operare a grandi profondità, collegato ad una nave appoggio in superfice con un cavo a fibre ottiche che fornisce l’energia, garantisce il trasferimento bidirezionale dei dati in telemetria via fibra ottica e sorregge il peso del sistema durante tutte le operazioni. I movimenti di MODUS sono guidati da un operatore a bordo della nave appoggio.

In una prima versione, realizzata per la missione in acque poco profonde del progetto GEOSTAR, erano possibili solo movimenti orizzontali, garantiti da due thrusters. Per le missioni in acque profonde MODUS è stato potenziato con l’aggiunta di altri quattro thrusters (due orizzontali e due verticali) per migliorane la mobilità; inoltre il veicolo è stato dotato di un transponder e di un altimetro, per poterne controllare la posizione dalla superficie, e di un sonar per individuare e localizzare l’osservatorio durante le operazioni di recupero. MODUS è anche equipaggiato con videocamere che consentono l’ispezione del fondo marino e l’osservazione dettagliata delle operazioni di aggancio della Bottom Station. In acque profonde il sistema è in grado di trasportare carichi fino a 30 kN.

 


PIE' DI PAGINA
Torna su