Contenuto principale | Barra di navigazione | Menù interno | Pie' di pagina
Cerca: 

BARRA DI NAVIGAZIONE

MEN├╣ INTERNO
Torna su


CONTENUTO PRINCIPALE
Torna su

Referente

  • Achille Zirizzotti
    UF Laboratorio di Geofisica Ambientale
  • Massimo Frezzotti (ENEA CR Casaccia)

Tematiche

Progetto PNRA 2004-5.2 - SURFMASS


Bilancio di massa superficiale dell’area di drenaggio di Dome C
Inizio:
2004
Fine:
Dicembre 2009
Sito Web:
http://www.pnra.it

Per conoscere le variazioni passate del livello del mare e per predire quelle future, è essenziale stimare l’attuale bilancio di massa dei ghiacciai ed in particolare della calotta antartica. Le conoscenze attuali sui processi che determinano l’entità delle variazioni spazio-temporali dell’accumulo nevoso sono ampiamente lacunose e pertanto non consentono di ottenere una stima attendibile del bilancio di massa dell’Antartide.

Il progetto si propone di:

  • ridurre le incertezze relative al bilancio di massa superficiale attraverso l’integrazione di dati meteo-climatici e glaciologici;
  • studiare la provenienza delle precipitazioni e la loro influenza sulla composizione chimica/isotopica della neve nell’area di Dome C;
  • studiare i processi post-deposizionali di riemissione e diffusione di specie chimiche/isotopiche nel nevato;
  • misurare le variazioni altimetriche della calotta ed il bilancio di massa lungo l’isoipsa di 2.100 m nella Wilkes Land;
  • organizzare la traversa per il 50esimo anniversario dell’IGY.

 

Compito di ricerca dell’Unità Operativa

Misure 3D GPR di dettaglio a Midpoint e C3

Si propone di effettuare misure di snowradar ai fini della determinazione della variazione dell’accumulo nevoso nelle località Midpoint, C3 e lungo il transetto Dumont d’Urville-Dome C.
Nelle prime due località le misure saranno acquisite secondo profili orientati in maniera opportuna e con densità sufficiente ad ottenere una risoluzione tridimensionale del layering interno del nevato.
La strumentazione necessaria per l’esecuzione delle misure prevede l’impiego di un Ground Probing Radar (GPR) della GSSI modello Sir10B dotato di almeno due antenne di frequenza centrale rispettivamente di 200 e 400 MHz. Queste ultime verranno trascinate su apposita slitta sfruttando i Pisten Bully 270 presenti nelle località oggetto delle misure.
Per la ricostruzione e riposizionamento delle misure, oltre che per la navigazione lungo le linee, si rende inoltre necessario l’impiego di due ricevitori GPS in assetto differenziale (Base + Rover).
Le misure previste lungo il transetto Dumont d’Urville-Dome C (con assetto strumentale del tutto analogo a quello visto in precedenza) potrebbero invece essere eseguite al seguito della traversa logistica francese.
I dati acquisiti in queste campagne saranno analizzati con gli opportuni software per integrali con quelli raccolti dalle altre per una valutazione dei processi di accumulo.

 


PIE' DI PAGINA
Torna su