Contenuto principale | Barra di navigazione | Menù interno | Pie' di pagina
Cerca: 

BARRA DI NAVIGAZIONE

MENù INTERNO
Torna su


CONTENUTO PRINCIPALE
Torna su

Referente

Tematiche

Progetto COST 238 - PRIME


Prediction and Retrospective Ionospheric Modelling over Europe
Inizio:
1991
Fine:
1995

Il progetto denominato PRIME (Prediction and Retrospective Ionospheric Modelling over Europe) si è inserito all’interno del più vasto progetto, detto COST-238, (European Cooperation in the field of Scientific and Technical Research), finanziato dalla CEE e della durata di 4 anni (1991-1995).

Scopo del PRIME è stato quello di approfondire la conoscenza del comportamento nello spazio e nel tempo del plasma ionosferico a medie latitudini per valutarne gli effetti sui sistemi in uso per telecomunicazioni radio. Per un progetto di ricerca con tali finalità, l’Europa ha rappresentato una area di lavoro estremamente interessante essendo la regione della Terra caratterizzata dalla più alta densità di osservatori ionosferici già operativi, in alcuni casi, fin dagli anni ’50. In altre parole l’Europa è caratterizzata, da un punto di vista ionosferico, da una lunga serie di osservazioni orarie relative agli ultimi cinque cicli solari.

Il progetto PRIME si è articolato nei seguenti cinque Working Groups:

  1. Sondaggi ionosferici verticali
  2. Sondaggi ionosferici obliqui
  3. Mapping ionosferico regionale in tempo reale
  4. Previsioni ionosferiche regionali a corto termine
  5. Modellamento ionosferico regionale e previsioni ionosferiche a medio/lungo termine.

Le ricerche condotte in campo ionosferico dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, effettuate in quel periodo dall’Unità Organica Aeronomia, hanno riguardato attività sperimentali di sondaggi ionosferici verticali, di sondaggi obliqui e lo studio della variabilità ionosferica in funzione dell’attività solare. Tali studi sono finalizzati allo sviluppo di modelli ionosferici. In particolare sono stati sviluppati:

  1. modelli per previsioni a medio/lungo termine dei parametri ionosferici su scala regionale: SIRM (Simplified Ionospheric Regional Model), PASHA (Prediction of ionospheric parameters by Adjusted Spherical Harmonic Analysis);
  2. un modello per il mapping regionale ionosferico in tempo reale: IMASHA (Instantaneous Mapping by Adjusted Spherical Harmonic Analysis);
  3. un modello per ricavare il profilo verticale di densità elettronica: DGR (dal cognome degli autori "G. Di Giovanni e S. Radicella").

PIE' DI PAGINA
Torna su